attenti al gorilla

Sulla piazza d'una città la gente guardava con ammirazione un gorilla portato là dagli zingari di un baraccone con poco senso del pudore le comari di quel rione contemplavano lo scimmione non dico dove non dico come attenti al gorilla ! d'improvviso la grossa gabbia dove viveva l'animale s'aprì di schianto non so perché forse l'avevano chiusa male la bestia uscendo fuori di là disse: "quest'oggi me la levo" parlava della verginità di cui ancora viveva schiavo attenti al gorilla ! il padrone si mise a urlare " il mio gorilla , fate attenzione" non ha veduto mai una scimmia potrebbe fare confusione tutti i presenti a questo punto fuggirono in ogni direzione anche le donne dimostrando la differenza fra idea e azione attenti al gorilla ! tutta la gente corre di fretta di qui e di là con grande foga si attardano solo una vecchietta e un giovane giudice con la toga visto che gli altri avevan squagliato il quadrumane accelerò e sulla vecchia e sul magistrato con quattro salti si portò attenti al gorilla ! bah , sospirò pensando la vecchia ch'io fossi ancora desiderata sarebbe cosa alquanto strana e più che altro non sperata che mi si prenda per una scimmia pensava il giudice col fiato corto non è possibile, questo è sicuro il seguito prova che aveva torto attenti al gorilla ! se qualcuno di voi dovesse costretto con le spalle al muro , violare un giudice od una vecchia della sua scelta sarei sicuro ma si dà il caso che il gorilla considerato un grandioso fusto da chi l'ha provato però non brilla né per lo spirito né per il gusto attenti al gorilla ! infatti lui, sdegnando la vecchia si dirige sul magistrato lo acchiappa forte per un'orecchia e lo trascina in mezzo ad un prato quello che avvenne fra l'erba alta non posso dirlo per intero ma lo spettacolo fu avvincente e lo "suspence" ci fu davvero attenti al gorilla ! dirò soltanto che sul più bello dello spiacevole e cupo dramma piangeva il giudice come un vitello negli intervalli gridava mamma gridava mamma come quel tale cui il giorno prima come ad un pollo con una sentenza un po' originale aveva fatto tagliare il collo. attenti al gorilla !

mercoledì 13 ottobre 2010

Dio patria e Zar......(io preferisco Nina Senicar)




queste gnocche in Serbia non vi bastano?
La Serbia e' la culla dello "Slavismo": Dio-Patria-Zar,il Nazional-Socialismo dall'Olanda,all'Austria alla Serbia, stanno facendo proseliti tra i disoccupati i disadattati,i violenti.
La nazione di Milosevic razzista e feroce, rivendica i diritti sui territori del Kosovo dopo l'implosione della Federazione Jugoslavia di Tito.
Oggi la Serbia e' una Repubblica democratica atlantista,con una forte componente Nazionalista,che odia l'etnia Albanese,i Croati,i mussulmani,i cattolici riconoscendosi solo nel purismo ortodosso.
Nella sua rozzezza, ieri sera gli ultranazionalisti serbi hanno ottenuto la platea mediatica ,per dire a tutti gli Europei: "I NEGOZIATI DI BRUXELLES CON IL GOVERNO DI BELGRADO DEVONO ESSERE SOSPESI A TEMPO INDETERMINATO" anche con il primo Gay Pride serbo non sono andati per il sottile,io vedo un collegamemento tra i due tristi avvenimenti.
Sanda Raskovic-Ilic (ambasciatore serbo in Italia) ha detto detto:"Io e tutti i Serbi ci vergogniamo molto" ....la stampa pone l'accento sul degrado del calcio serbo e il 3-0 a tavolino certo.

Il mio personale convincimento e' quello di incoraggiare i cittadini Serbi evitando loro altre derive nazionalistiche e di pulizia etnica,facendole sentire a casa loro nell'Europa dei popoli.


6 commenti:

  1. L'Ariano puro;
    la Gran Serbia;
    il Padano che ce l'ha duro.

    Trovo vampate di similitudini nell'imbecillità dell'essere umano con le maiuscole.

    RispondiElimina
  2. Mi domando solo come mai alcuni esseri umani abbiano bisogno, per vivere, di concetti come la razza ariana, l'omofobia, la grande nazione.

    RispondiElimina
  3. Non vedo altra alternativa che dire alla gente Serba che saremo felici di accoglierli in Europa come fratelli.Siamo noi i responsabili del loro isolamento,e che gli chiediamo scusa.Se la Serbia non entrera' in Europa ne usciremo noi Italiani,il rischio di un'altra pulizia etnica e' imminenete,se gli ultranazionalisti hanno bisogno di fare casini negli stadi,per avere un palcoscenico piu' ampio.....hanno un progetto porcamiseria.

    RispondiElimina

ogni commento e' gradito,e' permesso anche essere critici,senza essere offensivi,infatti ogni opinione e' rispettabile.